Cani antidroga Guardia di Finanza: storia e curiosità del Servizio Cinofili

Cani Antidroga

I cani antidroga della GdF contribuiscono alla lotta contro la criminalità: ecco tutti gli altri compiti di questi speciali esemplari

I cani antidroga della Guardia di Finanza rappresentano un’eccellenza italiana ed europea. Il Servizio Cinofili della GdF, però, va oltre il contrasto al narcotraffico e riguarda tante altre attività. Questo reparto della GdF affonda infatti le proprie radici negli anni Cinquanta, quando il Corpo è stato sensibilmente ammodernato. Il motto del Servizio Cinofili è “Candida pro causa ense candido” (dal latino, “Un’arma pura per una giusta causa”), mutuato dallo stemma di famiglia del Barone Carl Gustaf Emil Mannerheim, già Grand’Ufficiale dell’Ordine militare di Savoia (Regno d’Italia).


INDICE
– Cani antidroga Guardia di Finanza: la storia
– Cani antidroga: razze e caratteristiche
– Addestramento cani unità cinofila: a scuola dagli USA
– Tutti i dettagli dell’addestramento cani antidroga
– La cinoagonistica della Guardia di Finanza
– Come entrare nell’unità cani antidroga della GdF


Cani antidroga Guardia di Finanza: la storia

Il Servizio Cinofili ha avuto origine tra il 1952 e il 1954, contestualmente al Servizio Statistico e il Servizio Aereo. Questi nuovi reparti della Guardia di Finanza hanno decisamente ammodernato il Corpo, la cui creazione risale addirittura al 1774 (Regno di Sardegna). Nel 1966 ha avuto luogo a Passo Colle (TN) l’inaugurazione del primo corso per cani da valanga: è l’inizio della storia del Soccorso Alpino Guardia di Finanza (S.A.G.F.).

I cani antidroga, invece, sono stati la risposta della Guardia di Finanza all’insorgenza del fenomeno del narcotraffico negli anni Settanta. Nel 1976, infatti, viene avviato il primo corso di specializzazione per conduttore cane antidroga. Sempre a quel periodo, risale poi la fondazione dell’unità cinofila antiterrorismo (1975): un argine al fenomeno della lotta armata sorto durante gli anni di piombo.

Nella seconda decina degli anni Duemila, poi, in relazione all’aumentare del contrabbando di tabacchi lavorati e non, è iniziato l’addestramento dei cani anticontrabbando. L’attività ha dato esiti particolarmente positivi e ha portato la formazione delle prime 15 unità cinofile per la ricerca di tabacco, destinate ad operare nelle aree geografiche più sensibili ed interessate dal fenomeno.

Sempre all’alba di questo millennio, la Guardia di Finanza ha affiancato a queste unità quella dei cosiddetti “cash-dog”, ovverosia l’unità cinofila antivaluta, in grado di fiutare le banconote per contrastare vari traffici illeciti.

Le unità cinofile, ognuna composta da un conduttore e un ausiliare (cane), si distinguono dunque in:

  • Unità cinofila antidroga
  • Unità cinofila anticontrabbando/antiterrorismo
  • Unità cinofila antivaluta (cash-dog)
  • Unità cinofila per la ricerca di tabacco
  • Unità cinofila del soccorso alpino (S.A.G.F.)

Cani antidroga: razze e caratteristiche

Le razze canine impiegate dalle unità cinofile della Guardia di Finanza sono:

  • Labrador Retriever
  • Pastore Belga Malinois
  • Pastore tedesco

Il Labrador Retriever è una razza conosciuta per l’attitudine alla caccia, oltre a essere un affettuoso compagno. È un animale dotato di robusta costituzione, ottimo temperamento e agilità. Intelligente, attento e accondiscendente, mai aggressivo o timido, il Labrador Retriever possiede un eccellente olfatto e un istinto predatorio notevole. Matura in età avanzata, di solito dopo i due anni. Non dimostra mai di aver paura e il suo istinto al gioco emerge nella maggior parte delle situazioni.

Il Pastore Belga Malinois è una razza molto duttile, idonea a svolgere diversi compiti. È un animale vigile, veloce, ricco di vitalità e obbediente. Per le doti fisiche, è un soggetto adatto alle attività di ricerca in superficie e per quelle alpine. Rispetto ad altre razze, nei primi mesi di vita, i cuccioli di pastore belga malinois risultano affettivamente più dipendenti dall’uomo e questo contribuisce alla forte simbiosi tra il conduttore e l’animale.

La razza “principe” delle unità cinofile è però il pastore tedesco. Dotati di carattere e resistenza al lavoro, questi esemplari non deludono quasi mai i loro addestratori: solo pochi di questivengono ritenuti non idonei al servizio. Il rapporto altezza-lunghezza è ben armonizzato, così da consentire un trotto ampio e prolungato. Nervi saldi, attenzione, docilità e fedeltà sono le sue caratteristiche peculiari. Il suo fiuto lo rende particolarmente adatto come cane da ricerca.


Addestramento cani unità cinofila: a scuola negli USA

L’attuale addestramento dei cani antidroga trae origine dalla partecipazione di personale del Corpo ad un corso tenutosi nel 1975 a Front Royal (Virginia) e diretto da istruttori del Servizio Doganale degli Stati Uniti. In quest’occasione il Corpo ha ricevuto il volume “Custom dog training manual” (“Manuale per l’addestramento dei cani in servizio alla dogana”), tradotto poi in italiano. A ora, il tomo – dopo vari aggiornamenti – è intitolato “Manuale sull’allevamento e l’addestramento dei cani antidroga“, redatto interamente grazie alle competenze interne del personale specializzato cinofilo e dei veterinari del Corpo.

Un cane antidroga in azione è attratto dall’odore della sostanza stupefacente che riesce a percepire anche se abilmente occultata: l’animale farà di tutto per trovarla, ma non sa che sta cercando della droga. Il quadrupede vuole infatti trovare il suo manicotto, il suo gioco preferito ed il suo premio, quello con cui è stato addestrato per molto tempo e che, durante l’attività addestrativa, era stato associato alla presenza della sostanza stupefacente. Al termine del corso antidroga il cane sarà in grado di riconoscere e segnalare la presenza di prodotti cannabinoidi, oppiacei, cocaina e derivati, ecstasy, allucinogeni e anfetamine.

Detto ciò, è necessario smentire una bufala che riguarda i cani antidroga. È infatti completamente priva di fondamento la convinzione che i cani antidroga della Guardia di Finanza siano drogati e che ricerchino le sostanze stupefacenti perché in crisi di astinenza. Un cane a contatto diretto con delle sostanze stupefacenti rischierebbe la vita o le sue condizioni di salute sarebbero gravemente compromesse.

Tutti i dettagli dell’addestramento cani antidroga

Il “Centro Allevamento e Addestramento Cani” (ora “Corso Allevamento e Addestramento Cinofilo”) è stato inaugurato nel 1956 a Castiglione del Lago (PG). Il Corso fornisce al Servizio cinofili i quadrupedi necessari alle diverse attività di servizio. Il settore di allevamento della GdF è primo in Italia tra le Forze Armate e di Polizia e tra i primi in Europa e in campo internazionale.

Nella ricerca dei soggetti, la scelta ricade su cani in grado di lavorare sia in situazioni di difficoltà (pendii scoscesi, ghiacciai, spazi angusti ecc.), sia tra la folla. Gli esemplari devono inoltre possedere buona tempra, grande attitudine al lavoro e una moderata aggressività. Le cucciolate vengono affidate sin dalla nascita a un solo allevatore che seguirà con particolare attenzione le varie fasi dell’imprinting, propedeutiche al corretto equilibrio psichico del cane. I quadrupedi poi sono sottoposti ad una prima fase di addestramento definito “primario”, che rappresenta sia un primo approccio alle tecniche addestrative, sia una vera e propria selezione psico-attitudinale.

Dopo l’addestramento primario, i cani sono avviati ai vari corsi di specializzazione insieme al conduttore a cui sono affidati. Nasce così l’unità cinofila: un binomio inscindibile tra conduttore e ausiliare. L’intero addestramento è basato sul gioco ed è fondato su principi di condizionamento e di apprendimento. In questo contesto, vengono sfruttati alcuni istinti naturali del cane: senso dell’olfatto,istinto del gioco e predatorio. Il manicotto, un telo di spugna arrotolato e legato con del particolare nastro adesivo, è lo strumento più utilizzato durante l’addestramento. Per l’animale, invece, il manicotto è l’ambito “premio” da cercare.


La cinoagonistica della Guardia di Finanza

L’attività agonistica delle unità cinofile del Corpo ha inizio nel 1957 con la costituzione di una Squadra cinoagonistica di quattro unità. L’iniziativa, finalizzata alla promozione dell’attività svolta dal Servizio Cinofili della Guardia di Finanza, ha ottenuto fin da subito eccellenti risultati. Tant’è che – già nel 1958 – è stata disposta la costituzione di una seconda squadra cinoagonistica.

Nel 1975 viene costituito il Gruppo Cinoagonistico delle Fiamme Gialle, articolato su due Sezioni Cinoagonistiche e composto da sedici unità. Oggi l’attività cinoagonistica è svolta da personale specializzato e cani del Corso Allevamento e Addestramento Cinofilo di Castiglione del Lago. Durante questi anni di attività sportiva, sono stati conseguiti innumerevoli vittorie e prestigiosi piazzamenti nei campionati italiani, europei e internazionali che hanno dato vita ad un ricco medagliere composto da trofei, brevetti e riconoscimenti vari.

Come entrare nell’unità cani antidroga della GdF

Per entrare nelle unità cinofile della Guardia di Finanza occorre prima almeno diventare Allievo finanziere. È quindi indispensabile superare tutte le prove del Concorso Allievi Finanzieri. A decorrere dal 1° gennaio 2016, salvo disposizioni contrarie, i Concorsi per Finanziere sono aperti anche ai civili. Clicca qui per conoscere nel dettaglio quali requisiti è necessario possedere per diventare Finanziere ed entrare nella Guardia di Finanza.

Il concorso per Allievi Finanzieri consiste in diverse fasi di selezione, atte a valutare la preparazione e le attitudini dei concorrenti. Le prove consistono precisamente in:

  • Prova scritta di preselezione consistente in domande di italiano, storia ed educazione civica, geografia e test logico-matematici.
  • Prova di efficienza fisica consistente in una serie di esercizi volti ad accertare il livello di preparazione atletica dei concorrenti. Per il contingente ordinario gli esercizi obbligatori sono salto in alto, corsa piana 1000 metri e piegamenti sulle braccia; le prove facoltative sono a scelta tra corsa piana 100 metri e prova di nuoto 25 metri stile libero. Per il contingente in mare gli esercizi obbligatori sono salto in alto, corsa piana 1000 metri e prova di nuoto 25 metri stile libero; le prove facoltative sono a scelta tra corsa piana 100 metri e piegamenti sulle braccia.
  • Accertamento dell’idoneità attitudinale per valutare il possesso dei requisiti attitudinali e delle qualità indispensabili all’espletamento delle mansioni di Finanziere.
  • Accertamento dell’idoneità psicofisica per valutare l’idoneità psicofisica dei candidati.
  • Valutazione dei titoli da possedere entro la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di ammissione al concorso.

Dopo aver svolto il periodo di addestramento, si può procedere, per concorsi interni, ad effettuare la richiesta per entrare nell’unità cinofila.

L’addestramento avviene al “Corso Allevamento e Addestramento Cinofilo” sito a Castiglione del Lago (PG). Nella ricerca dei soggetti, la scelta ricade su cani in grado di lavorare sia in situazioni di difficoltà, sia tra la folla. Gli esemplari devono inoltre possedere grande attitudine al lavoro e moderata aggressività. I quadrupedi poi sono sottoposti all’addestramento "primario", che rappresenta un primo approccio alle tecniche addestrative. Dopo ciò, i cani sono avviati ai corsi di specializzazione insieme al conduttore a cui sono affidati. L'intero addestramento è basato sul gioco ed è fondato su principi di condizionamento e di apprendimento, dove vengono sfruttati alcuni istinti naturali del cane: senso dell'olfatto, l'istinto del gioco e predatorio. Il manicotto, un telo di spugna arrotolato e legato con del particolare nastro adesivo, è lo strumento più utilizzato durante l’addestramento. Per il quadrupede, invece, il manicotto è l'ambito "premio" da cercare.
Le razze canine impiegate dalle unità cinofile della Guardia di Finanza sono:
 
  • Labrador Retriever
  • Pastore Belga Malinois
  • Pastore tedesco
 A ognuna di queste razze corrispondono poi diverse caratteristiche. Il Labrador Retriever è intelligente, accondiscendente e dotato di un eccellente olfatto. Il Pastore Belga Malinois è una razza molto duttile e versatile ed è l’ideale per attività di ricerca, sia in superficie che in ambito montuoso. Il pastore tedesco è il cane preferito dagli addestratori, che scartano pochissimi esemplari appartenenti a questa razza. Il suo fiuto lo rende particolarmente adatto come cane da ricerca.
Il Servizio Cinofili è stato fondato tra il 1952 e il 1954. I cani antidroga corrispondono all’esigenza da parte dello Stato di contrastare l’insorgenza del fenomeno del narcotraffico negli anni Settanta. Nel 1976, infatti, viene avviato il primo corso di specializzazione per conduttore cane antidroga. L’attuale addestramento dei cani antidroga trae origine dalla partecipazione di personale del Corpo ad un corso tenutosi nel 1975 a Front Royal (Virginia) e diretto da istruttori del Servizio Doganale degli Stati Uniti.
Per entrare nelle unità cinofile della Guardia di Finanza occorre prima almeno diventare allievo finanziere. È quindi indispensabile superare tutte le prove del Concorso Allievi Finanzieri. A decorrere dal 1° gennaio 2016, salvo disposizioni contrarie, i Concorsi per Finanziere sono aperti anche ai civili. Clicca qui per conoscere nel dettaglio quali requisiti è necessario possedere per diventare Finanziere ed entrare nella Guardia di Finanza. Dopo aver svolto il periodo di addestramento, si può procedere, per concorsi interni, ad effettuare la richiesta per entrare nell’unità cinofila.

Per ricevere maggiori info su come entrare nella Guardia di Finanza, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

Sei il primo a lasciare un commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.